Il bullismo ai tempi dei social: la psicologa Sposini al Liceo “Redi” di Arezzo

Quando la violenza diventa invisibile, è ancora più pericolosa. Parliamo del cyberbullismo, la versione 2.0 dei fenomeni di arroganza e prevaricazione tra i più giovani: sempre più spesso infatti i social network diventano strumenti di prepotenza, sostituendo a calci e pugni l’umiliazione pubblica, di fronte ad un bacino di utenti potenzialmente infinito.
E gli adulti? Molti sono ancora inconsapevoli del fenomeno; chi lo conosce, spesso, non ha gli strumenti adatti per contrastarlo. Una risposta pratica e immediata cerca di fornirla la psicologa Claudia Sposini, autrice del volume “Il metodo anti-cyberbullismo: manuale per l’uso consapevole di internet e dei social network”, edito da San Paolo.
Esperta in Criminologia e in Psicologia dei Nuovi Media, la Sposini si è confrontata con gli studenti del Liceo “Francesco Redi” di Arezzo, in una lezione sui generis nell’ambito del Festival della Comunicazione.
Servizio di Beatrice Bertozzi. Riprese di Marco Alfonsi.
TSD Notizie del 2 maggio 2016.